2 settembre 2012

Moto.it: le Relazioni Esterne “in rosa” con Paola Maina

Una donna che lega benissimo con i motori, e che – in veste di nuova Responsabile Relazioni Esterne di Moto.it – può rafforzare ulteriormente la leaderhisp del più importante portale in Italia dedicato alle due ruote. Paola Maina sfata uno tra i miti più duri a morire: lei, che nel settore automotive ha praticamente sempre lavorato, non ha mai faticato ad imporsi in un mondo professionale che parla soprattutto al maschile. Anzi, come manager in rosa, la Maina ritiene perfino di avere degli assi nella manica, dato che  «spesso le donne riescono a creare maggiore sintonia nelle relazioni professionali». Un surplus che può risultare decisivo, lì dove la passione per i motori è forte quanto quella dei colleghi uomini.

Dottoressa Maina, che compiti avrà come nuovo Responsabile Relazioni Esterne di Moto.it? In che modo la sua funzione può essere strategica per il successo del portale?
Sono, innanzitutto, onorata di aver avviato la collaborazione con Moto.it. Ritengo, infatti, che il portale sia una delle realtà più innovative, stimolanti e frizzanti oggi esistenti nel panorama motociclistico. Merito di due soci “illuminati”, Ippolito Fassati e Francesco Risari, che, nel lontano 1997, hanno saputo dare vita e concretezza ad un progetto ambizioso: migliorare l’incontro tra la domanda e l’offerta nel mercato delle due ruote, tramite un canale giovane come internet, in modo da favorire sia i clienti privati, che le Case motociclistiche. Un’idea geniale, che è stata portata avanti con competenza, impegno e risolutezza, e che si è rivelata un successo. Oggi, infatti, Moto.it è il più importante sito in Italia dedicato alle moto, con 1.140.000 visitatori unici al mese, più di 380mila moto messe in vendita negli ultimi 12 mesi e 1200 concessionari abbonati. Ai numeri si affiancano, inoltre, prestigiose collaborazioni: dal 2009 Moto.it è diventato un vero e proprio quotidiano di informazione motociclistica, con firme importanti come quelle di Nico Cereghini, Giovanni Zamagni, Massimo Zanzani, Maurizio Tanca e Massimo Clarke. Il valore aggiunto di Moto.it è quello di analizzare le esigenze del mercato, degli utenti e delle Case e proporre iniziative e progetti in grado di soddisfarle: una fucina di idee a servizio del mondo della moto.
Quale il mio ruolo? Gestire le Relazioni Esterne per Moto.it verterà sostanzialmente nel dare maggiore visibilità alle numerose attività promosse dal portale, implementare la comunicazione, al fine di rafforzare ulteriormente il rapporto con i visitatori e gli abbonati. Dopo aver ottenuto un riscontro di pubblico così importante, diventava fondamentale pianificare in modo strategico anche l’attività di PR, per poter veicolare efficacemente tutti i progetti ideati e realizzati. Il mio approccio è basato sulla condivisione, sull’ascolto, ma anche su di un’impostazione rigorosa, focalizzata su obiettivi chiari. Ed in questo ho trovato in Moto.it il mio partner ideale.

Si dice (banalmente) che donne e motori non leghino, ma lei rappresenta certamente un’eccezione a questa fantomatica regola. Dovesse stilare una classifica delle cinque qualità, professionali e non, più importanti per lavorare nel settore automotive?
La mia esperienza nel settore automotive mi consente di “sfatare” il detto che “donne e motori non legano”. Credo fermamente che la professionalità paghi sempre, magari non nel breve periodo, ma nel medio/lungo, sì. La passione per il proprio lavoro consente di raggiungere, spesso, risultati
anche inaspettati. Le qualità che bisogna avere per entrare in questo settore sono le stesse che servono per affermarsi in qualsiasi altro: umiltà, tecnica, dedizione, determinazione e predisposizione ai rapporti interpersonali. E poi essere consapevoli che non si smette mai di imparare, questo è anche il bello del mestiere di PR.

Ma quanto scetticismo incontra una donna che vuole affermarsi in questo mondo?
L’essere donna non mi ha mai penalizzata e comunque non ha mai inciso negativamente sul mio percorso professionale, neanche in questo mondo. Direi anzi che, alcune volte, mi ha agevolato. Spesso infatti le donne riescono a creare maggiore sintonia anche nelle relazioni professionali.

Trackbacks

  1. [...] Relazioni Esterne in rosa Moto.it: le Relazioni Esterne “in rosa” con Paola Maina 31 marzo 2011 Da redazione Commenta [...]

Speak Your Mind

*