20 novembre 2012

Online Business Training | Claudio Corbetta

“Driiiiin”. Sembra quasi di sentirla, in lontananza, la campanella della Scuola di Register.it. Il professore è in aula, pronto a tenere la lezione (o meglio, in questo caso, il “webinar”) e aspetta i suoi studenti. Che non devono fare neanche tutto questo sforzo per arrivare in classe, né sgomitare per accaparrarsi i posti migliori. Anzi, possono benissimo starsene seduti comodi in ufficio o sul divano di casa: è sufficiente una connessione Internet e un qualsiasi dispositivo per navigare – mobile compreso – per “esserci”. Evviva la scuola di Online Business allora; evviva il progetto del Gruppo Dada (società leader nei servizi di registrazione di nomi a dominio e hosting, nonché in quelli per la protezione del brand e per la pubblicità in Rete) lanciato per supportare il percorso di crescita delle PMI e dei professionisti italiani in campo digitale. Materia, questa, in cui rischiano seriamente la “bocciatura”: «Effettivamente sono in ritardo rispetto alla media europea – commenta Claudio Corbetta, Amministratore Delegato del Gruppo Dada, mentre ci presenta il progetto – Noi cerchiamo di aiutarli a sviluppare alcune conoscenze utili per essere competitivi in un mercato in costante evoluzione». Dunque, proprio come a scuola, prima di essere bocciati PMI e professionisti italiani hanno la possibilità di “salvarsi” con l’esame di riparazione. La campanella è suonata, il professore sta per iniziare la lezione. Meglio entrare in classe stavolta e seguire con attenzione il webinar. Chissà che non sia l’occasione giusta per recuperare il tempo perduto.

Dottore Corbetta, prima di arrivare all’argomento clou dell’intervista, le chiediamo – come di consuetudine – di presentarsi brevemente ai nostri lettori. Quale ruolo ricopre all’interno del Gruppo Dada?
Attualmente ricopro il ruolo di Amministratore Delegato di Dada S.p.A. e faccio parte del CdA in qualità di Presidente di tutte le società in Europa che fanno parte del Gruppo. Sono entrato in azienda nel 2000 come Direttore della Business Unit dedicata alle PMI, dall’inizio del 2002 ho ricoperto la carica di Amministratore Delegato di Register.it e successivamente ne ho guidato il piano di espansione internazionale.

Nel corso della carriera ha potuto sviluppare delle competenze specifiche in materia di formazione? In particolare, su quali temi?
Prima dell’ingresso in Dada ho lavorato in importanti società di consulenza quali Accenture e McKinsey, dove ho maturato competenze in ambito di organizzazione aziendale, un settore con numerosi punti di contatto con le HR e la formazione. Mi preme, però, aggiungere che nel progetto di cui parleremo oggi molto ha contato la formazione di tutta l’organizzazione che, avendo affinato le proprie competenze direttamente sul campo in un mercato come il nostro così fortemente in evoluzione, alla fine ha sviluppato un know how tale da poter essere una guida anche per i nostri clienti.

Già, Dada propone oggi alle PMI e ai professionisti italiani un percorso di “Online Business Training” da seguire in Rete. È la prima volta che vi lanciate in un’iniziativa del genere, perlomeno nel nostro Paese? Come nasce l’idea di questo progetto?
La Scuola di Register.it prende le mosse dal progetto pilota “Register.it Online Training”, una prima fase sperimentale che – nel primo semestre 2012 – si è articolata in quattro webinar focalizzati su temi quali la Search Engine Optimization, il Social Media Marketing, l’Advertising Digitale (in collaborazione con Google Italia) e la Posta Elettronica Certificata. L’obiettivo che ci siamo posti fin da subito è stato quello di aiutare aziende e professionisti ad esplorare le nuove frontiere del web marketing e naturalmente di attivare un proficuo dialogo con i nostri clienti per consentir loro di sfruttare appieno le potenzialità del web a vantaggio del proprio business. Questo primo ciclo sperimentale ha avuto grande successo e ci ha permesso di raccogliere feedback utili a perfezionare la nostra proposta formativa per rispondere in modo più puntuale alle esigenze di professionisti e organizzazioni. Il significativo numero di registrazioni ai primi seminari online – oltre 4.000 – e le molteplici visualizzazioni del materiale condiviso su Internet – oltre 7.000 via Slideshare e YouTube – hanno confermato infatti un grande interesse da parte del mondo aziendale verso gli strumenti del web, testimoniando l’importanza di offrire momenti di approfondimento per consentire al tessuto economico del Paese di evolvere acquisendo consapevolezza del valore strategico del digitale e imparando a cavalcarne le opportunità a fini di business. Tale primo riscontro particolarmente positivo ci ha, quindi, incoraggiato a proseguire con il nostro impegno strutturando un percorso formativo ancora più ricco e articolato.

Un successo dovuto anche al fatto che le aziende italiane sono piuttosto indietro sul versante web rispetto ai competitor europei: è d’accordo?
Con la Scuola di Register.it ci proponiamo di supportare il percorso di crescita delle PMI e dei professionisti italiani, che in tema di digitalizzazione sono effettivamente in ritardo rispetto alla media europea. Noi cerchiamo di aiutarli a sviluppare alcune conoscenze utili per essere competitivi in un mercato in costante evoluzione.

Apriamo, dunque, le porte della Scuola di Register.it. Innanzitutto, come funzionano i vostri webinar?
Come accennavo, la proposta formativa della Scuola di Register.it è stata perfezionata a partire dai feedback dei partecipanti ai primi webinar sperimentali e in particolare oltre il 50% ha contribuito a far evolvere l’iniziativa esprimendo la propria opinione sulle tematiche da trattare e sulle modalità operative. Perciò abbiamo continuato a puntare su un percorso di “Online Business Training”, poiché la natura online delle sessioni formative è stata particolarmente apprezzata, consentendo a chiunque di accedere facilmente ai webinar da qualsiasi luogo, anche in mobilità. Partecipare è semplicissimo, basta registrarsi, per esempio attraverso la pagina Facebook che segnala di volta in volta il calendario aggiornato degli Online Business Training, e collegarsi attraverso qualsiasi web browser.

I vostri docenti che tipo di preparazione hanno alle spalle?
Sono esperti della materia oggetto del seminario e vantano in genere conoscenze accademiche, oltre ad aver maturato significative esperienze professionali nel settore digitale. Inoltre, si tratta di professionisti con competenze in ambito di formazione che li rendono capaci di trasferire in modo efficace i messaggi, anche in modalità online.

Curiosità: sono previste delle repliche per i “ritardatari”?
La durata dei webinar è in genere breve, si aggirano intorno all’ora proprio per risultare facilmente fruibili, ma al termine della lezione vengono condivisi materiali per consentire di approfondire ulteriormente il tema. Inoltre, per chi dovesse essere impossibilitato dal seguire il webinar live è comunque prevista l’opportunità di rivedere successivamente il video della lezione.

Che tematiche fanno parte del vostro programma formativo? In particolare, PMI e professionisti italiani di quali “materie” sono più digiuni?
In linea di massima, il percorso formativo si focalizzerà sull’e-commerce e su altre macrotematiche quali il Social Media Marketing, la Search Engine Optimization e la promozione di un sito, ma si arricchirà anche degli spunti raccolti di volta in volta dai partecipanti dopo ogni webinar. In particolare, abbiamo riscontrato un crescente interesse verso Social Media e SEO, proprio perché si sta diffondendo la consapevolezza dell’importanza di tenere conto di questi aspetti per i progetti in rete. Fondamentale è inoltre fare formazione sul tema dell’e-commerce, proprio perché anche se può sembrare una leva ovvia, in Italia c’è invece ancora molto da lavorare in questo senso. Si tratta comunque di un settore in crescita e sempre più aziende si stanno attrezzando per non perdere quest’occasione. In ogni caso per rispondere alle esigenze di formazione eterogenee rispetto alle varie tematiche, i webinar della Scuola di Register.it sono articolati in base a diversi livelli di difficoltà e si rivolgono sia a beginners, sia a utenti avanzati.

Non solo “Storia” e “Attualità” del mondo web: immaginiamo che la Scuola di Register.it intenda preparare i suoi studenti anche su quello che sarà il futuro della Rete… In questo senso, lei su quali novità si sentirebbe di puntare? In che direzione sta marciando l’online business oggi?
Fare business online non significa dotarsi semplicemente di un sito vetrina, ma rendere tale sito interattivo, in modo da riuscire a coltivare un’efficace relazione con i propri clienti. Di conseguenza, diventa fondamentale utilizzare un mix di strumenti di comunicazione, facendo leva, per esempio, sull’integrazione con il mondo social. I social network rappresentano, infatti, una grande opportunità per costruire un dialogo con la propria clientela e per raggiungere un target sempre più profilato. Una possibile insidia risiede, però, nella proliferazione costante di dati che rende spesso difficile per le aziende orientarsi in un enorme coacervo di dati strutturati e non. Per rispondere a questa esigenze e per dare forma al patrimonio informativo aziendale, rendendolo capace di guidare decisioni di business ragionate, si sta affermando il fenomeno dei Big Data. Un altro aspetto fondamentale per fare business online oggi è naturalmente offrire la possibilità di finalizzare l’acquisto in rete e anche attraverso device mobili: su questo fronte c’è grande fermento come dimostra il recente affermarsi della tecnologia NFC. Talvolta le problematiche percepite di sicurezza possono, in ogni caso, suscitare le resistenze dei clienti: questa è un’altra sfida a cui solo un’efficace collaborazione tra pubblico e privato può offrire una risposta.

Come si conclude il percorso formativo di chi ha seguito i vostri corsi? Esiste una sorta di “esame finale” per verificare il grado di apprendimento?
Trattandosi di un percorso formativo organizzato come una sorta di scuola, che si articolerà per la durata di un vero e proprio anno accademico, abbiamo pensato di dare visibilità all’impegno dei partecipanti, conferendo al termine del ciclo di webinar un attestato che ne certifichi il percorso. Naturalmente, i professionisti potranno valutare concretamente la validità dell’insegnamento quando si cimenteranno in progetti in rete che prima non sarebbero stati in grado di affrontare in autonomia. E ovviamente gli esperti di Register.it resteranno sempre a disposizione per rispondere ad eventuali dubbi e per aiutare ad utilizzare gli strumenti del web nel modo più efficace.

Speak Your Mind

*